Autorizzazione all’uso dei cookie

Tu sei qui

Il progetto Intercultura

Il progetto intercultura nasce dal riconoscimento di una straordinaria risorsa umana che, negli ultimi anni, ha arricchito il territorio della nostra città: la presenza di un crescente numero di bambini migranti e delle loro famiglie.

La nostra scuola ha accettato la sfida di accogliere il patrimonio linguistico e culturale di cui i nostri alunni sono portatori, e si è impegnata a fornire gli strumenti di comunicazione e di comprensione indispensabili per esercitare una cittadinanza attiva nel contesto complesso in cui siamo immersi. Il suo obiettivo è stato via via precisato nella direzione di rinnovare la didattica per tutti gli alunni fondandola su un modello pedagogico interculturale.

Già nel 1999, il nostro istituto ha elaborato "Tutti uguali tutti diversi", il progetto originario che ci ha guidato in questi anni. Esso viene costantemente rielaborato, implementato e coordinato dalla Commissione intercultura, composta da insegnanti dei tre ordini di scuola.

In particolare, tra il 2010 e il 2012 abbiamo colto l'occasione di un bando della Fondazione Cariplo, in partenariato con la cooperativa sociale Dialogica e in rete con diversi soggetti del territorio per ripensare l'intero impianto. Skills lab ci ha permesso di diffondere ai diversi ordini di scuola azioni già consolidate e di sperimentarne di nuove.

Si incomincia con:

  • l'accoglienza dei bambini
  • il loro inserimento nelle classi, secondo l'età anagrafica, le competenze verificate e altre informazioni raccolte, secondo quanto stabilito dal protocollo di accoglienza.

La scuola cerca la collaborazione dei genitori e il loro coinvolgimento educativo, a partire dalla scuola dell’Infanzia e dal primo colloquio nella fase di inserimento.

Gli insegnanti facilitatori linguistici seguono i bambini e i ragazzi neoarrivati anche al di fuori della classe, per favorire l’apprendimento della lingua italiana e, successivamente, l’approccio alle diverse discipline (Laboratori di italiano L2 e Italstudio).

L'educazione interculturale investe e coinvolge l'insegnamento di tutte le discipline e le attività didattiche della scuola, supportando la promozione del successo formativo per tutti gli alunni, compresi i nativi. Infatti la sperimentazione di modalità didattiche accessibili anche agli studenti di madrelingua diversa dall’italiano, si è rivelata efficace per venire incontro ai diversi stili di apprendimento di tutti gli allievi, e ha favorito il diffondersi, nella normale attività scolastica in classe, delle pratiche laboratoriali (Didattica laboratoriale).

L’introduzione dello spagnolo come seconda lingua straniera, è un esempio di come la scuola valorizzi le competenze di alcuni studenti a vantaggio di tutti.

Un ulteriore esempio di valorizzazione della convivenza interculturale nella scuola, è il "progetto tutor", che impegna alcuni allievi ad affiancare i compagni neoarrivati per favorire il loro inserimento nella classe e nelle attività didattiche. Il progetto mira a sviluppare negli allievi coinvolti abilità sociali di mediazione culturale e a costruire consapevolezza, attraverso la rielaborazione della propria esperienza, del valore della scuola come luogo di inclusione e di promozione delle competenze indispensabili per diventare cittadini adulti.

L'esperienza del tutoring tra pari, ora diffusa anche presso la scuola primaria oltre che nella secondaria, ha costituito una palestra di sperimentazione ed esplicitazione delle competenze del “saper essere” che il nostro istituto si impegna a promuovere tra tutti i suoi studenti. Parallelamente a partire dall'esperienza di stesura dei PEI (Piani Educativi Personalizzati) per gli alunni neoarrivati, l'intero corpo docente sta rinnovando i propri strumenti di programmazione e di valutazione delle competenze del “saper fare” per tutti gli allievi. Il nuovo documento delle competenze elaborato dallo staff è inserito nel POF dell'Istituto.

Sito realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.